LIBRERIA EMILIANA

STAMPE E LIBRI  VENEZIANI

DAL XV AL XXI

SECOLO

*

HOME   STIME E ACQUISTI   CHI SIAMO   CONTATTI   DOVE SIAMO  
     
<< torna indietro



Propectus Plateae Divi Marci Venetiarum, et ejusdem Basilicae cum aedibus D. Marci Procuratorum


foto
  Autore: Brustolon Giambattista

EditoreVenezia: Ludovicum Furlanetto, 1763

CodiceINC1131

Periodo: XVIII Secolo

Galleria foto: g+







Prezzo di vendita: 2.200,00 EUR 


Descrizione:

Incisione su rame all'acquaforte e bulino di mm 458 x 314 mm alla battuta, su carta di filo. Foglio 490 x 350 mm. Foglio candido e forte. Primo stato su quattro. Tavola da Prospectuum Aedium Viarumque Insigniorum Urbis Venetiarum raccolta di vedute edita per la prima volta nel 1763 con un frontespizio e dodici incisioni derivate dal Canaletto e copiate dalla visione che ne dette il Visenini. Originario del bellunese Giambattista Brustolon nacque a Venezia nel 1712.Secondo il Moschini il suo apprendistato si svolse presso quella fucina di geni che fu la bottega del Wagner; certamente egli cominciò ad applicarsi all'intaglio in giovane età: nel 1730, appena diciottenne incise con notevole abilità il ritratto del conte friulano Francesco Beretta. Come illustratore di libri dimostrò una abilità fuori dal comune, tanto che nel 1767 venne incaricato dal Console Britannico Joseph Smith, mecenate o meglio procuratore di Canaletto, a realizzare le cento tavole rappresentanti le sue gemme e cammei pubblicato sotto il titolo di Dactyliotheca Smithiana. Nel 1763 uscì con l'album "Prospectum Aedium Viarumque insigniorum Urbis Venetiarum", dedicate al Doge Marco Foscarini, prima in dodici vedute, da Canaletto, quindi in ventidue, da disegni o pitture di Marieschi e Moretti. Dal 1766 realizzò l'altra grande opera della sua carriera: le "Feste Dogali", da disegni acquerellati di Canaletto. L'artista morì a Venezia "nella contrada di San Cancian" il 16 ottobre 1796 "per frequenti accessi di colica nefritica", come risulta dall'atto conservato in quella parrocchia. Alpago-Novello : " Ove si confrontino le incisioni del Brustolon con quelle dei medesimi originali del Canaletto trassero Giampiccoli o il Sandi, bisogna riconoscere al Nostro un'ariosità e pastosità superiori, inisiema ad una più sicura distribuzione e graduazione dei chiaroscuri: una eminente personalitò artistica insomma".Pignatti: "Brustolon seppe rendere spesso la trasparenza dei cieli del Canaletto, e la luminosa brillantezza delle architetture. Fece uso notevole del bulino e di ripetute morsure, spesso avvicinandosi ad effetti di acquatinta…".

 



Ricerca

Categorie
Incisioni
Libri