LIBRERIA EMILIANA

STAMPE E LIBRI  VENEZIANI

DAL XV AL XXI

SECOLO

*

HOME   STIME E ACQUISTI   CHI SIAMO   CONTATTI   DOVE SIAMO  
     
<< torna indietro



Schlussenblumen. Herba Paralysis


foto
  Autore: D. Iacobi Theodori; Braun Nikolaus; Bauhin Caspar

EditoreFranckfurt am Mayn: Durch Nicolaum Hoffman durch Matthias Beckers seligen Wittib, In Verlegung Johannis Bassaei und Johann Dreutels, 1613

CodiceINC1103

Periodo: XVII Secolo








Prezzo di vendita: 48,00 EUR 


Descrizione:

Xilografia, (10 x 15 mm), acquarellatura d'epoca, tratta dall'edizione tedesca del 1613 dell'erbario: "Mit schönen/ künstlichen unnd leblichen Figuren und Conterfeyten/ allerhand vortrefflichster und fürnehmer so wol frembder/ als einheymischer Gewächs/ Kräuter/ Blumen/ Stauden/ Hecken und Bäumen. Das ander Theyl...beschrieben/ Durch Nicolaum Braun... verbessert/ Durch Casparum Bauhinum. Matthias Becker für Johann Dreutel und Johann Basszi, Frankfurt a.M., 1613". Theodorus Jacobus (1520-1590). Bauhin Gaspard (1560-1624). Bauhin, Hieronymus (1637-1667). Braun, Nicolas (medico; sec. 17.). Konig, Johann Ludwig & Brandmuller, Johann. Primula veris (primula, primula comune, primula Primula, sin primula officinalis) è una pianta erbacea perenne nella primula Primulaceae. La specie è originaria in gran parte dell'Europa temperata e dell'Asia occidentale, e sebbene sia assente dalle zone più settentrionali, compresa gran parte della Scozia nord-occidentale, riappare nella parte settentrionale di Sutherland e Orkney e in Scandinavia. Questa specie si ibrida frequentemente con altre Primule come la Primula vulgaris per formare false oxlip (Primula × polyantha) che viene spesso confusa con il vero oxlip (Primula elatior ), una pianta molto più rara. La primula veris è una pianta perenne sempreverde o semi-sempreverde che cresce fino a 25 cm (10 in) di altezza e larghezza, con una rosetta di foglie lunghe 5-15 cm e larghe 2-6 cm. I fiori gialli profondi sono prodotti in primavera, in grappoli di 10-30 fiori su un unico stelo. Ogni fiore è largo 9-15 mm. Le piante a fiore rosso e arancione si verificano raramente, ma possono essere localmente diffuse in aree dove gli ibridi di primule colorate fioriscono contemporaneamente alla fioritura primaverile nativa, consentendo l'impollinazione incrociata. La primula si trova spesso su terreni più aperti della primula, compresi campi aperti, prati, dune costiere e falesie. L'impianto subì un declino a causa del cambiamento delle pratiche agricole negli anni '70 e '80 in Gran Bretagna. Può quindi essere raro localmente, anche se può essere abbondante. Inoltre i semi sono ora spesso inclusi in miscugli di semi di fiori selvatici usati per abbellire le banchine autostradali e simili lavori di sterro di ingegneria civile in cui le piante possono essere viste in banchi densi. Questa pratica ha portato a un risveglio delle sue fortune. Le radici di Primula veris contengono diversi glicosidi di metilestere 5-metossisalicilico, come la primeverina e la primulaverina. Nella radice grezza essiccata, i loro agliconi fenolici sono responsabili dell'odore tipico che ricorda il metil salicilato o l'anetolo. Le radici essiccate contengono quantità significative di saponine triterpeniche, come l' acido primula I/II, mentre nel fiore questi costituenti si trovano nei sepali ei costituenti dominanti sono flavonoidi. Gli effetti collaterali rari delle saponine possono essere nausea o diarrea mentre alcuni dei costituenti fenolici sono probabilmente responsabili di reazioni allergiche. Le foglie di primavera odorosa sono state tradizionalmente utilizzate nella cucina spagnola come insalata verde. Gli usi nella cucina inglese includono l'uso dei fiori per aromatizzare vino di campagna e aceti; zuccheraggio per essere un dolce o mangiato come parte di un'insalata composta mentre il succo della primula è usato per preparare tanaceto per friggere. Il cugino stretto della primula, il primaverina P. vulgaris è stato spesso confuso con la primula e il suo uso in cucina è simile con l'aggiunta dei suoi fiori che vengono usati come coloranti nei dessert. La scrittrice inglese Alison Uttley nel suo racconto "The Country Child" (1931) menziona la pianta nella preparazione del vino cowslip, un processo localmente importante. Dopo la sua preparazione iniziale, il cowslip vino "sarebbe cambiato in vino giallo frizzante" offerto in "piccoli bicchieri scanalati" con un biscotto. Questo vino "era più prezioso del vino di sambuco, che era la bevanda per il freddo, per la neve e il nevischio". (Wikipedia)

 



Ricerca

Categorie
Incisioni
Libri